Conti supporto tecnico falsi Trovato su Facebook, LinkedIn, Pinterest

Conti supporto tecnico falsi Trovato su Facebook, LinkedIn, Pinterest

Non è una novità che i cyber criminali utilizzano spesso le piattaforme online ben noti per iniziare le loro campagne. Dalla diffusione di malware, per lo sviluppo reti conto ISIS, ci si sente come Facebook, LinkedIn, e Twitter hanno visto tutto.

L'ultima sfruttamento dei servizi on-line amati come LinkedIn, Facebook, Pinterest e Quora esplora il supporto tecnico falso con l'aiuto di grandi nomi del settore. L'elenco delle aziende legittime sfruttati include Kaspersky, Norton, AVG, e Comcast. In aggiunta, servizi come Outlook sono anche vittime di abusi con l'idea di fare appello al maggior numero di utenti possibile.

Vi chiederete perché i cyber criminali sfruttano tali marchi a svolgere le loro campagne. E 'stato dimostrato che i conti sui siti web di spicco aumenta la credibilità.

Nel caso attuale del supporto tecnico falso, la truffa è avviata da ingannando il potenziale vittima in acquisto di un prodotto o di un servizio per risolvere un certo problema. La soluzione proposta di solito è venduto ad un prezzo più alto.

Più grande è il pubblico, la migliore possibilità di successo.

Sembra che i truffatori del tutto d'accordo con questa affermazione e, quindi,, essi continuеlly bersaglio comunità come Facebook. furtivamente con successo un falso account come un legittimo uno truffatori di salvaguardia che le ricerche degli utenti saranno indirizzati al loro pagine.

Successivamente, comunità professionali finiscono per essere di spamming inviati da account falsi.

I ricercatori di sicurezza hanno studiato il Web in modo che espongono le linee di supporto falso tecnologia promosse. Grazie alla loro ricerca, è ormai chiaro che molti di alto profilo le comunità online sono state sfruttate. Gli esperti ritengono che i servizi fasulli approvare soluzioni ai problemi connessi con le email, come i conti bloccati e password dimenticate.

I social network non sono i soli bersagli. I ricercatori aggiungono Microsoft TechNet, Scribd, SlideShare, BackPage e Academia.edu alla elenco aziende abusato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.